FAUSTO

PODAVINI

“OMO CHANGE”

“OMO CHANGE”

Location: Etiopia

Omo Change racconta e documenta i grandi investimenti dei paesi europei e cinesi nella valle dell’Omo in Etiopia, uno dei luoghi più importanti per la sua peculiare biodiversità nonostante l’ambiente desertico o semi-desertico. Questa zona è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1980. Una grande costruzione di dighe, in primis la Gibe III, investimenti esteri per nuove fabbriche di cotone, stanno cambiando radicalmente sia l’ambiente naturalistico che la vita quotidiana della popolazione locale. Oltre a questo, esiste anche un grande progetto governativo per la costruzione di una fabbrica di zucchero che toglie oltre 200.000 ettari di terra alle tribù con un conseguente rimodellamento dei confini territoriali e sociali. La valle dell’Omo sta vedendo la sua più grande contraddizione, quella che è stata generata dagli investimenti del cosiddetto sviluppo. La valle dell’Omo rischia di diventare un pool di risorse per il resto del mondo ma non per la propria popolazione e tutto questo grazie al controllo di un fiume: il fiume Omo.

ABOUT FAUSTO PODAVINI

Nato a Roma, vive e lavora nella sua città natale. Dopo un inizio come assistente e fotografo di studio, si dedica esclusivamente al fotogiornalismo interpretando un percorso da freelance che lo vede lavorare in Italia, India, Kenya, Etiopia e Sud America. Nel 2010 entra a far parte del collettivo WSP, dove, oltre alla figura di fotografo, svolge l’attività di docente di fotografia di reportage. Predilige lavori a medio lungo termine che gli permettono di soffermarsi ed approfondire in maniera unica le tematiche affrontate. Particolarmente importanti due suoi lavori che gli sono valsi due World Press Photo nel 2013 e nel 2018, “MiRelLa” e “Omo Change” entrambi poi diventati dei libri. Nel 2017 è stato nominato Reporter per la Terra da Earth Day Italia, ed ha pubblicato nelle più importanti rivisti italiane e internazionali.